Trattamenti Reiki

Il Trattamento Reiki può durare 30, 60 o 90 minuti e consiste nel posizionamento delle mani dell'operatore per alcuni minuti a contatto con il corpo del ricevente o a distanza entro 2/3cm. Il Trattamento Reiki si riceve vestiti e sdraiati a terra o su un lettino da massaggi.

Che sia tradizionale giapponese piuttosto che occidentale o altro, Reiki funziona comunque. L'Energia Universale infatti è una sola, così come gli effetti che produce sono gli stessi in ogni tecnica. Reiki è amore!

In qualunque posizione si trovino le nostre mani - non seguendo la "testa", ma l'istinto del "sentire" - il compito che ci aspetta, oltre a essere presenti a noi stessi e alla situazione, è quello di stare in amorevole e quieto ascolto di quanto accade a livello energetico.

I trattamenti inducono uno stato di profondo rilassamento oltre che un forte processo di auto-guarigione, e sono particolarmente consigliati anche nei casi di insonnia ed emicrania. Un trattamento di Reiki non è un massaggio, ma trasmissione di pura energia ad altissima qualità. Reiki stimola per Biorisonanza anche l'attività cellulare, favorendo l'autorigenerazione cellulare, ci aiuta a modificare la struttura chimica delle cellule del corpo rigenerando gli organi e ricostruendo tessuti e ossa. Stimola attraverso il sistema linfatico ed endocrino a rafforzare i sistema immunitario con una migliore resistenza immunologica alle malattie, un sicuro riequilibrio delle funzioni del ciclo sonno-veglia, l'auto regolazione dell'appetito e grazie alla diminuzione dello stress, anche una distensione muscolare. Nel complesso si registra una maggiore resistenza e armonia psico-somatica, che si può sintetizzare in una migliore condizione di equilibrio e benessere

trattamento reiki marche     trattamento reiki marche

La seduta inizia, solitamente, con un colloquio che permette di mettere a proprio agio la persona e consente all'operatore un primo approccio con la stessa. Il colloquio è utile ed orientativo, fornisce indicazioni necessarie all’indirizzo del trattamento e per creare ed approfondire il clima di fiducia reciproco.

l'Operatore Reiki non usa diagnosi, non prescrive cure o rimedi e soprattutto non promette guarigioni e non deve essere confuso con una figura sanitaria in quanto il lavoro non prevede attività di natura clinico-sanitaria.

In Italia il Reiki, grazie ai suoi principi e la sua efficacia, viene comunque anche effettuato ai pazienti al Centro di Medicina Psicosomatica dell'Ospedale S. Carlo Borromeo di Milano, all'ospedale Versilia dell'Azienda Sanitaria della Regione Toscana ed al Policlinico di Roma. (http://www.lifegate.it/salute/articolo.php?id_articolo=737)
Reiki viene classificato dal National Center for Complementary and Alternative Medicine (NCCAM, National Institute of Health) tra le terapie energetiche della "biofield medicine" (http://nccam.nih.gov/health/whatiscam).
Nel reparto Oncologico dell'ospedale Cardinal Massaja di Asti è stata avviata nel 2008 una ricerca scientifica (approvata dal Comitato etico di Alessandria) sulla valenza dei trattamenti reiki per gli ammalati sottoposti a chemio o radioterapia.
Segnaliamo inoltre la significativa esperienza del C.O.E.S. (Centro Oncologico Ematologico Subalpino) dell’Azienda Ospedaliera San Giovanni Battista di Torino Ospedale Molinette.

 

Quante sedute occorrono per sentirne i benefici?

Una seduta (di un ora circa) fa molto e la persona con un minimo di sensibilità può già coglierne gli effetti, sia nella veglia che nella qualità del sonno. Naturalmente, 4-5 sedute creano un effetto cumulativo capace di convogliare assai più efficacia nell'ottica di ristabilire il benessere psico-fisico. In definitiva, il numero di sedute varia in proporzione alle problematiche che si intende affrontare.

 

30 minuti
Contributo euro 30

60 minuti
Contributo euro 50

90 minuti
Contributo euro 80

 

I trattamento sono eseguiti da:

Cristiano Roganti
Operatore Olistico Trainer e Counselor Olistico Professional
ad Indirizzo Sitemico Fenomenologico
professionista iscritto e accreditato S.I.A.F.
ai codici n° MA1076T-OP  n°MA272P-CO

Master Reiki metodo - Usui Shiki Reiki Ryoho -
ha inoltre approfondito tecniche del Japanese Reiki

 

Per info e appuntamenti:
mob. 340 6840 674

Dove:
Porto San Giorgio (FM)

sede sociale Associazione Culturale il Sutra del Cuore

 

 

 

 

Metodi e tecniche

Teate, Teate-ho
E' un metodo molto praticato da Usui, presente nella Japanese Reiki (Usui Reiki Ryoho - Usui Teate).

La persona che riceve il trattamento è distesa comodamente e l'operatore fa scivolare lentamente le proprie mani accostate a pochi centimetri dal corpo del ricevente attento ad ogni intuizione o sensazione che può avvertire nelle sue stesse mani quali formicolii, sensazioni di freddo o caldo, pizzicori, pulsazioni, o dolori anche molto forti che possono interessare anche tutto il braccio.

Queste sensazioni vengono chiamate "HIBIKI".

Le mani vengono quindi mantenute sull’Hibiki finchè il Byosen non viene più percepito.
"Byosen Reikan-ho
" Scansione del corpo : sentire l’Hibiki con il palmo della mano
.

Quando l'operatore avverte un hibiki sofferma le mani su quel determinato punto e avvertirà come l'hibiki stesso aumenta fino ad un certo punto per poi descrescere lentamente e questo ciclo può ripetersi diverse volte consecutivamente. Dopo uno o più cicli si può passare ad esaminare le restanti parti del corpo e rilevati altri hibiki si procede allo stesso modo.

Prima di cominciare il BYOSEN l'operatore può tracciare sulle proprie mani i simboli del Reiki, il 1° e il 2°, poi avvicina la mano non dominante a circa 10 cm. dalla corona della persona da trattare e poggia la mano dominante sul proprio 4° chakra: ciò serve a sintonizzarsi sulla stessa frequenza del ricevente.

 

Usui Teate: (il tocco delle mani di Usui)
posizioni originali di Mikao Usui (Reiki Ryoho)

Nell'originale sistema di Usui, sono presenti soltanto cinque posizioni ufficiali, che focalizzano l'invio di energia alla testa e al collo.

Una sessione di trattamento Reiki, pertanto, comporta l'iniziale lavoro attraverso queste cinque posizioni, a cui avrebbe fa seguito il trattamento di aree specifiche del corpo in cui l'operatore riscontra squilibri attraverso "Byosen Reikan-ho" Scansione del corpo. In origine, sia l'operatore che il ricevente stavano seduti in posizione seiza (in ginocchio sul pavimento, seduti sui talloni).

Oggi lo stesso tipo di trattamento può essere replicato con il ricevente seduto su una sedia.

Posizioni del trattamento:
Introduzione: Saluto Gassho (inchino con schiena dritta a mani giunte, come segno di riconoscimento dell'unità di tutto ciò che esiste)

  1. Zento Bu: fronte
  2. Sokuto Bu: tempie
  3. Koutou Bu: una mano tratta la fronte, l'altra la parte posteriore della testa (area occipitale)
  4. Enzui Bu: i due lati del collo
  5. Toucho Bu: la parte superiore della testa, chakra corona.

Si tratta infine la parte che accusa lo squilibrio energetico percependo l’Hibiki con il palmo della mano.

Al termine, da parte dell'operatore:
Centratura sul cuore, seguita dalla manifestazione di Kansha (gratitudine) per avere avuto l'opportunità di prendersi cura del ricevente.
Saluto Gassho

 

Il Trattamento Base tradizionale Reiki Ryoho per il riequilibrio energetico

Il partner è sdraiato supino, l'operatore gli è seduto a fianco.

Centratura sul cuore con le mani giunte in posizione Gassho
Accarezzamento dell'aura

  1. Viso/occhi
  2. Tempie/Orecchie
  3. Emisfero destro e sinistro (6°Chakra); Nuca (7°Chakra)
  4. Gola (5°Chakra)
  5. Polmoni/Cuore (4°Chakra)
  6. Plesso solare/Fegato, Milza, Pancreas, Stomaco (3°Chakra)
  7. Tanden/Intestino (2°Chakra)
  8. Gonadi/ Zona Inguinale (1°Chakra)
  9. Spalle
  10. Scapole
  11. Reni
  12. Natiche/Fondo Schiena

Chiusura trattamento con:
Centratura sul cuore, seguita dalla manifestazione di Kansha
Saluto Gassho

 

Autotrattamento tradizionale Reiki Ryoho

centratura sul cuore Gassho

  1. Occhi/Viso
  2. Tempie
  3. Testa/Nuca
  4. Gola/collo
  5. Cuore/Polmoni
  6. Plesso Solare/ Stomaco
  7. Tanden/Intestino
  8. Inguine/Genitali
  9. Schiena
  10. Scapole
  11. Reni
  12. Fondo Schiena/Natiche

Saluto Gassho

 

Il Trattamento Reiki di Secondo Livello
Utilizza i simboli e particolari procedimenti atti a rendere disponibile maggiore energia. Serve a portare energia nella parte più profonda del nostro essere, direttamente all’essenza, viene utilizzato in questo caso per il "trattamento mentale".

L’energia di guarigione non riguarda più soltanto il corpo fisico, ma direttamente il principio che lo informa, la psiche o anima.

Durante il trattamento mentale sopraggiunge un senso di sprofondamento in se stessi, da cui si riemerge totalmente ristorati come da un lunghissimo e benefico sonno.

 

Trattamento di Equilibratura dei Chakra
Usui Shiki Reiki Ryoho, metodo "La Città della Luce®"

Centratura sul Cuore, accarezzamento dell'Aura del ricevente

  1. posizionamento mani a partire dal Quarto Chakra
  2. Posizionamento mani contemporanea sul Terzo e sul Quinto Chakra
  3. Posizionamento mani contemporanea sul Secondo e sul Sesto Chakra
  4. Posizionamento mani contemporanea sul Primo e sul Settimo Chakra

ritorno

  1. Posizionamento mani contemporanea sul Secondo e sul Sesto Chakra
  2. Posizionamento mani contemporanea sul Terzo e sul Quinto Chakra
  3. posizionamento mani sul Quarto Chakra

chiusura con accarezzamento dell'Aura del ricevente

 

Trattamento ai cinque organi
Usui Shiki Reiki Ryoho, metodo "La Città della Luce®"

Centratura sul Cuore, accarezzamento dell'Aura del ricevente
Posizionamento mani su:

  1. Reni
  2. Polmoni
  3. Fegato
  4. Milza
  5. Cuore

Questo trattamento di Reiki è stato sviluppato sulle basi della Teoria della Trasformazione Energetica delle Emozioni nel Sistema Taoista.

 

Autotrattamento
Usui Shiki Reiki Ryoho, metodo "La Città della Luce®"

Posizionamento mani:
Centratura sul Cuore

  1. 7° Chakra
  2. 6° Chakra
  3. 5° Chakra
  4. 4° Chakra
  5. 3° Chakra
  6. 2° Chakra
  7. 1° Chakra
Share/Save